bandiera bianca juve

Juve, il rientro di Pogba slitta a febbraio: è già costato 5,24 mln lordi

La Juve aspetta Paul Pogba e detta i tempi per il recupero. Dopo aver assistito alla finale dei Mondiali Argentina-Francia in tribuna d’onore, il francese in settimana dovrebbe riprendere a lavorare a parte in campo alla Continassa per poi aggregarsi lentamente al gruppo dopo le vacanze di Natale aumentando il ritmo e i carichi. Una tabella di marcia precisa e personalizzata dopo quasi cinque mesi out per l’infortunio e l’operazione al ginocchio. Un lungo stop che impone cautela e che, salvo ulteriori complicazioni, stando alla Gazzetta dello Sport dovrebbe far slittare il rientro del centrocampista almeno febbraio.

Di recente, del resto, Allegri era stato piuttosto chiaro sulle condizioni di Pogba. “Paul non ha fatto nemmeno un metro di allenamento – aveva detto il tecnico bianconero -. Non so né come, né quando rientrerà”. Parole che da una parte hanno confermato il lento recupero del francese e dall’altra lasciano spazio anche a qualche considerazione prettamente economica sul ritorno dell’ex United a Torino.

Da quando è rientrato alla Continassa, infatti, Pogba non ha mai giocato una partita ufficiale, temporeggiando prima sulla lesione al menisco di fine luglio rimediata durante la tournée negli USA e sottoponendosi poi comunque a un intervento che di fatto ha allungato ulteriormente i tempi di recupero e lasciato qualche perplessità sulla gestione della situazione. Tutto con una spesa per la Juve già quantificabile in 5,24 milioni di euro lordi. Alla Continassa il ritorno di Pogba per ora è soltanto un costo.