Tottenham, Conte: “Felice qui, ma possono accadere mille cose”

Un pareggio e una sconfitta dalla ripresa della Premier League, le critiche dei tifosi sui social, poi lo sfogo dopo il ko con l’Aston Villa e ora Antonio Conte torna a parlare e prova a far chiarezza sugli obiettivi del club e sul proprio futuro: “Devo studiare di più l’inglese, a volte torno a casa e me ne rendo conto. Non riesco a farmi capire bene – ha esordito il tecnico italiano nella conferenza stampa alla vigilia della trasferta col Crystal Palace – Resto al Tottenham? Questo è un problema tra me e la dirigenza – ha dichiarato l’ex Inter – C’è un progetto e devo cercare di costruire con il club e aiutarlo. Durante questo processo possono succedere mille cose. Il club può esonerare l’allenatore o possono esserci visioni diverse”.

Visioni diverse che sembrano effettivamente esserci almeno sul mercato, dove Conte nell’ultima conferenza aveva suggerito almeno un paio di acquisti da 50-70 milioni: “Non ho suggerito nulla. Capisco che il mio inglese non sia così buono e che non capiate il mio pensiero. Ho solo detto cosa stiamo facendo, qual è il progetto, il programma. Ma non ho suggerito nulla. Ho detto dove siamo e cosa stiamo facendo. Non suggerisco nulla. Il club conosce la situazione e ripeto: c’è un progetto e ho spiegato qual è”.

Un progetto di cui, almeno a parole, Conte sostiene di voler far parte, anche se lascia sempre una porta aperta a un possibile addio: “Sono felice ma dico sempre di esserlo. Voglio stare qui, godermi il mio periodo al Tottenham. Mi piace come sto lavorando qui. È un club moderno, in cui è bello lavorare e ho un bel rapporto con i giocatori”.

8 comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *