Champions League, Manchester United – Atletico Madrid 0-1, le pagelle dei red devils

David DE GEA 6 – Sul gol può fare molto poco. Anzi, niente. Per il resto si fa trovare pronto.
Diogo DALOT 5 – La sua propulsione offensiva – già vista al Milan – è ottima, peccato che si dimentichi completamente di Renan Lodi in occasione del gol dell’Atletico.
Raphael VARANE 6.5 – Concentrato, autoritario e pulito. Prestazione di livello europeo.
Harry MAGUIRE 6 – Con la palla nei piedi è da mani nei capelli, però tutto sommato se la cava bene. La tattica iper-difensiva dell’Atletico lo aiuta. (Dall’84’ MATA SV)
Alex TELLES 4.5 – Un telepass difensivo e un danno costante in attacco. Avrà calciato male almeno 5 punizioni potenzialmente pericolose.
Scott MCTOMINAY 6.5 – Grintoso, ruvido, essenziale. Per circa 40 minuti riesce a tenere sotto scacco il centrocampo dei colchoneros. Esce a metà ripresa. (Dal 67’ MATIC 5.5 – Nervoso e ammonito. Non proprio l’ingresso migliore)
FRED 6.5 – Un altro a cui si può imputare veramente poco. È l’uomo-ovunque e recupera una marea di palloni. (Dal 75’ CAVANI 6 – Prova a darsi da fare su qualche pallone buttato dentro)
Jadon SANCHO 5.5 – Tunnel e tocchi di qualità nel primo tempo. Lentezza e prevedibilità nel finale. Llorente se lo divora.
Bruno FERNANDES 5 – Non è al meglio e si vede a occhio nudo. Ectoplasma. (Dal 67’ POGBA 6 – Poco da segnalare. Un paio di tackle ben portati)
Anthony ELANGA 5.5 – Coraggioso e sfacciato. Oblak gli nega il gol con una stranissima parata di testa. Poi nel secondo tempo si eclissa. (Dal 67’ RASHFORD 5.5 – Al rallentatore. La difesa dell’Atleti lo legge in anticipo)
Cristiano RONALDO 5 – È connesso. Sembra la classica serata in cui spacca il mondo. Invece tocca pochissimi palloni in area e Stefan Savic lo annienta. La classe estemporanea non basta.
All. Ralf RANGNICK 5 – Se la gioca sull’aggressività e sul ritmo, e per 40 minuti abbondanti sembra avere anche ragione, poi però prende il gol e non riesce a dare nuova linfa ad una squadra che assomiglia sempre di più ad un mucchio di figurine. Buona fortuna per il futuro. C’è tanto lavoro da fare.

10 comments

  1. Pingback: ai nude

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *