bandiera inter

Inter, mercato: ecco i quattro osservati speciali ai Mondiali in Qatar

L’Inter continua a pensare al futuro e a scandagliare il mercato a caccia di opportunità. Alcune di queste, inevitabilmente, arrivano direttamente dai Mondiali 2022, dove si stanno mettendo in luce diversi talenti su cui i nerazzurri potrebbero presto tentare un affondo. Non c’è solo Marcus Thuram, che in realtà con la Francia ha disputato solo una manciata di minuti nelle prime due partite e per cui Ausilio ha già avuto un incontro con l’entourage: secondo La Gazzetta dello Sport, infatti, la dirigenza si sta concentrando soprattutto sul centrocampo, con tre nomi in particolare che sono finiti sul taccuino nerazzurro. Si tratta dell’argentino Alexis Mac Allister e degli americani Yunus Musah e Tyler Adams.

Mac Allister, classe 1998, è il prototipo del centrocampista moderno, abile in fase d’interdizione e impostazione, ma anche capace di inserimenti offensivi e con una discreta vena realizzativa: già 5 gol in 14 presenze in Premier League col Brighton quest’anno. Strapparlo alla squadra di De Zerbi sarà tutt’altro che semplice, visto che la sua valutazione si aggira già attorno ai 30 milioni di euro ed è destinata a crescere in caso di percorso positivo dell’Albiceleste in Qatar.

Musah è il più giovane del lotto: classe 2002, unisce talento a una prestanza fisica fuori dalla media ed è uno dei gioiellini più ambiti dalle big europee. Anche per questo l’Inter vorrebbe tentare di giocare d’anticipo e bruciare una concorrenza destinata a farsi sempre più folta. Vista la giovane età e la poca esperienza internazionale il costo del suo cartellino potrebbe rivelarsi più accessibile (ora la sua valutazione è di circa 20 milioni), anche perché il Valencia non è una squadra in grado di resistere a lungo agli assalti esterni, come invece possono fare quasi tutte quelle di Premier. Per lui potrebbe anche essere presa in considerazione l’opzione di un prestito oneroso con obbligo o diritto di riscatto.

Infine c’è Adams, capitano e leader della nazionale a stelle e strisce, che ha dominato a centrocampo nel derby anglosassone contro l’Inghilterra. Forse meno appariscente dei primi due, ma di grandissima sostanza e con quell’attitudine da trascinatore che non può che far gola a tanti. La pista che porta all’ex Lipsia, però, è forse la più complicata da percorrere: sebbene la sua valutazione non sia altissima, infatti, Adams è sbarcato al Leeds soltanto la scorsa estate e ha un contratto fino al 2027. Difficile pensare che il tecnico Jesse Marsch, americano come lui, voglia liberarsene così presto.

Insomma, quella per Thuram resta al momento la trattativa più calda, anche perché – ricordiamolo – il figlio di Lilian è in scadenza col Borussia Moenchengladbach a fine giugno e l’Inter aveva già un’intesa con lui risalente all’estate 2021, prima del grave infortunio che fermò tutto. Ausilio e Baccin, tuttavia, continuano a guardarsi intorno e non è detto che il Mondiale non riservi ulteriori sorprese da aggiungere alla lista dei desideri…

SPUNTA ANCHE LA PISTA KESSIE

Non c’è solo il Mondiale a catturare l’attenzione nerazzurra in chiave mercato. Secondo Calciomercato.com, infatti, l’Inter è vigile anche su Frank Kessié, che fin qui non ha vissuto una grande stagione al Barcellona. Un solo gol segnato, qualche infortunio e tanta panchina, tutte circostanze che potrebbero farlo riflettere sul proprio futuro, anche se non prima di giugno. L’ivoriano è un pallino nerazzurro dai tempi dell’Atalanta e, se le cose col Barça non dovessero proprio ingranare, non sarebbe difficile lavorare su un prestito in estate.