Mondiali, boom di infortuni: la squadra dei big assenti

I Mondiali si avvicinano e a un mese dal grande evento si allunga la lista dei top player che saranno costretti a guardare le partite di Qatar 2022 dal divano a causa di infortuni vari. In ordine cronologico gli ultimi ad alzare bandiera bianca e a dover rinunciare al torneo sono Diogo Jota e N’Golo Kanté, ma l’elenco dei big alle prese con problemi fisici in vista del Mondiale è zeppo di grandi campioni. Tanto che si potrebbe allestire una signora “squadra dei grandi assenti”.

Vista la tempistica insolita dei Mondiali, per tutti l’attività agonistica è partita a pieno ritmo da agosto. I giocatori impegnati anche in Europa vanno in campo tre volte a settimana e i problemi fisici fioccano. In chiave Mondiali uno dei team più colpiti è la Francia campione del mondo in carica, con una dozzina di potenziali titolari in infermeria o in fase di recupero: Hugo Lloris, Presnel Kimpembe, Lucas Hernandez, Paul Pogba, Kingsley Coman, anche se al momento solo Kanté è ufficialmente fuori gioco. La notizia del nuovo stop di Maignan, per il problema al polpaccio, mettono in dubbio anche la presenza del portiere rossonero.

L’Olanda non avrà il romanista Georgino Wijnaldum. Il centrocampista con i giallorossi non ha praticamente mai giocato per la rottura della tibia destra in allenamento. L’Argentina invece è in ansia per i problemi muscolari che affliggono il romanista Paulo Dybala e lo juventino Angel Di Maria. Ma anche per il portiere dell’Atalanta Juan Musso, operato un mese fa per la frattura a uno zigomo.

Ha rischiato, ma dovrebbe farcela, Marco Reus. L’attaccante tedesco del Borussia Dortmund a settembre si è procurato una grave distorsione alla caviglia destra e spera di recuperare in tempo. Non ci sarà invece Florian Wirtz, giovane stella del Bayern Leverkusen, ancora convalescente dopo l’operazione di marzo al legamento crociato.

Stesso mese e tipo di infortunio per l’attaccante della Real Sociedad e della nazionale spagnola Mikel Oyarzabal, in forte dubbio. Le Furie Rosse dovranno fare sicuramente a meno di Dani Olmo, del Lipsia, che ad inizio settembre ha patito la rottura parziale di un legamento. L’Uruguay sara’ probabilmente privo di Ronald Araujo. Il difensore del Barcellona e’ stato operato a fine settembre per l’evulsione del tendine adduttore lungo della coscia destra, riportata in una amichevole contro l’Iran.

In definitiva, il 3-4-1-2 degli assenti certi o di quelli a forte rischio schiererebbe Musso tra i pali, Lucas Hernandez, Araujo e Kimpembe in difesa, Oyarzabal, Kanté, Wynaldum e Di Maria a centrocampo, Dani Olmo dietro a Dybala e Diogo Jota. Ma ci sono anche le storie a lieto fine. E’ il caso del brasiliano Richarlison, punta del Tottenham, che sabato era uscito dallo stadio con le stampelle, molto pessimista per il forte dolore a un polpaccio. Due giorni dopo l’allenatore Antonio Conte ha assicurato che il Mondiale del suo giocatore non è in pericolo.

9 comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *