bandiera milan

Derby di Coppa Italia: le pagelle del Milan

Maignan 6: coraggioso in un paio di uscite, specie nel secondo tempo su Lautaro.

Florenzi 7: prestazione perfetta del nazionale azzurro su Perisic. Chiusure sempre precise e puntuali al quale abbina una buona fase offensiva.( dal 38’ st Calabria s.v.)

Tomori 7: un leone indomito pronto a mordere le caviglie di Dzeko e Lautaro. Perfetto in ogni intervento, preciso e attento come prima dell’infortunio.

Romagnoli 6: provvidenziale quando toglie dalla testa di Dzeko il pallone dello 0-1. Costretto al cambio per un risentimento all’adduttore. (25’ st Kalulu 6,5: elegante nelle uscite palle al piede, non trema nemmeno nei momenti (rari) di pressione nerazzurra)

Hernández 6,5: ingaggia un altro duello molto interessante con Dumfries. Si applica con grande attenzione alla fase difensiva.

Kessie 6: recupera diversi palloni. Non è ancora quel centrocampista devastante visto nella passata stagione ma qualche segnale di risveglio lo ha lanciato.
Bennacer 6,5: alza la pressione nel pressing, gioca sempre con ottime genitore e sicurezza nei propri mezzi. Prova senza sbavature.

Saelemaekers 5,5: fa tutto bene fino al momento decisivo: che sia la conclusione o il cross, i risultati sono modesti. (dal 21’ st Messias 6: non ha gli strappi del belga ma una gestione del pallone più lucida)

Krunić 6: il lavoro oscuro che fa su Brozovic è prezioso. Ha due palloni interessanti per incidere ma manca in qualità. (dal 21’ st Díaz 6: regala un po’ di brio nel finale con la sua velocità)

Leão 6,5: semina il panico tra de Vrij e Dumfries con le sue accelerazioni. Il più in palla dei suoi, manca di concretezza in un paio di circostanze con delle concisioni imprecise. (dal 21’ st Rebic 5: momento preoccupante per l’attaccante croato che sbaglia tutte le scelte, anche quelle più elementari)

Giroud 5,5: a volte troppo lento è macchinoso. Si fa notare per l’episodio dubbio in area di rigore con Skriniar.

All.Pioli 6,5: prepara bene la partita dal punto di vista tattico andando ad attaccare l’Inter molto alto.