Caso Superlega: se Juve, Real e Barca non pagano la multa rischiano l’esclusione dalla Champions

Il conflitto Superlega-Uefa è tutt’altro che archiviato. Dopo l’ordinanza del Tribunale di Madrid, che di fatto restituisce alla Uefa la possibilità di punire i club promotori del progetto della Superlega, il caso si riapre. Non da subito, però. Da Nyon fanno sapere che nulla si farà nel prossimo anno. Le tre ribelli, Juventus, Real Madrid e Barcellona, le uniche a non ritirarsi dal progetto dopo la sommossa di tifosi, federazioni e persino istituzioni, ci saranno nella prossima edizione della massima coppa continentale. Se ne riparlerà per il 23-24, quando la Champions dovrebbe essere restaurata, passando da 32 a 36 squadre, in un girone unico. Un rammodernamento, insomma. Per assomigliare un po’ di più al modello della tanto odiata Superlega, proprio per togliere di mezzo ogni velleità dei grandi club di creare tornei alternativi.

8 comments

  1. Pingback: https://ccaps.net/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *